USA 2020: la positività al Coronavirus di Trump e i suoi effetti sul confronto elettorale

La positività improvvisa al Coronavirus di Donald Trump ha cambiato improvvisamente la campagna elettorale, non solo del presidente in carica. Mentre l’America si accinge a votare tra un mese, l’incertezza sul risultato finale è sempre più elevata.

La notizia della positività di Donald Trump al SARS Cov 2 e il suo successivo ricovero in ospedale ha fatto, come era ovvio, il giro del mondo in pochi secondi, ma ha anche avuto un impatto inatteso e improvviso su tutta la campagna elettorale presidenziale, scuotendo, sostanzialmente, la politica americana.

Ricoverato a causa del Virus, nonostante i messaggi inviati agli elettori e ai cittadini americani, il rincorrersi di notizie diverse e talvolta contraddittorie sulle sue condiiozni di salute, ha certamente contribuito ad aumentare dubbi e incertezza intorno al possibile impatto che questo evento potrà avere sulla campagna elettorale. I Repubblicani, preoccupati anche dal fatto che altri membri di vertice del partito sono risultati positivi, potrebbero vedersi indebolire nei prossimi giorni la propria maggioranza Senato, e in caso estremo potrebbero addirittura decidere di cambiare candidato per le elezioni, qualora la situazione dovesse rendersi ingestibile. Ma considerato che alcuni elettori si sono già espressi attraverso il voto per posta e che alle elezioni mancano meno di un mese, salvo stravolgimenti ulteriori, sembrerebbe una decisione improbabile. Certo rimane il timore che nei prossimi giorni il Presidente possa non essere in condizioni di salute tali da riprendere la campagna elettorale e da gestire direttamente la mole di potere che il suo ruolo comporta. In questo caso si riproporrebbe il tema della sospensione dei poteri del presidente e, in extrema ratio, della sua eventuale sostituzione. Ma la momento sembrano ipotesi davvero improbabili, utili sopratutto a far discutere e scrivere i commentatori.

Certo, per ora, nell’augurio che il Presidente possa guarire rapidamente, questa vicenda ha comportato per Trump un duplice effetto diretto. Il primo, ovviamente, è la sospensione della campagna elettorale. Per Trump si tratta di un problema non banale, vista la necessità di recuperare spazio e consenso rispetto al suo rivale in vantaggio nei sondaggi, che il Presidente intendeva realizzare soprattutto attraverso un protagonismo costante sui media e una intensa campagna di comizi dal vivo, la sua arma vincente. Sospesa per il momento la campagna, senza sapere bene per quanto tempo, Trump adesso non potrà essere in prima persona protagonista dei suoi comizi di piazza in piazza e dovrà arringare e motivare i suoi supporters attraverso altri canali. La sua strategia di rimonta potrebbe essere così limitata? È difficile immaginarlo, dovremo aspettare qualche giorno per vedere quali saranno le sue condizioni di salute e come potrà cercare di mettere in campo per recuperare.

Ma la malattia, oltre a costringerlo al ricovero, potrebbe aver anche rappresentato un problema per la sua immagine, su cui molti analisti e media hanno battuto in queste ultime ore. In primis per quello che riguarda le sue generali condizioni di salute, ma poi anche perchè Trump era stato accusato di aver avuto atteggiamenti contraddittori verso il rischio Covid, ed era stato esplicitamente criticato, in passato, sul tema dell’uso delle mascherine. È evidente che questa ultima vicenda, al pari di altri leaders internazionali positivi al virus, da Bolsonaro a Boris Johnson, conferma invece la pericolosità e la contagiosità del virus.

È sempre più chiaro che questa campagna elettorale ogni giorno di più si conferma imprevedibile. Ci eravamo lasciati ai commenti del dopo confronto televisivo, con il durissimo scontro tra Biden e Trump bollato da molti come il peggior dibattito elettorale nella storia,  e adesso il Covid, grande tema presente quotidianamente nel dibattito pubblico americano e nella campagna elettorale, ha determinato una nuova improvvisa svolta i cui effetti sono imponderabili.

Nessuno alla fine può davvero prevedere come questa vicenda potrà incidere sulla percezione e sulle decisioni degli elettori, in particolare di quelli incerti. Potrebbe avere effetti contraddittori e radicalmente diversi, sia verso il presidente che il suo rivale. Indubbiamente però, l’America che si accinge a votare è molto divisa e queste ultima vicenda rende ancora più incerto il confronto.

Gli Stati Uniti appaiono oggi come un paese diviso tra due parti distinte, diverse, che difficilmente potranno convincersi di qualcosa di differente da quello che già pensano: difficilmente questa ultima vicenda farà perdere voti a Trump tra i suoi motivati supporters così come potrebbe fargli acquisire simpatie tra i suoi detrattori che hanno scelto di sostenere Biden.

L’America sta vivendo oggi una stagione difficile, che in questa fase, complice anche la pandemia, sembra aggravarsi. La campagna elettorale potrebbe risentirne, e probabilmente già ne risente, e nel prossimo mese potrebbe ancora di più diventare imprevedibile nei suoi esiti. Ad oggi, nonostante i sondaggi continuano a confermare il vantaggio di Biden, è difficile immaginare il risultato finale, considerato soprattutto il complesso sistema di elezioni presidenziale. Gli stati incerti resteranno incerti fino all’ultimo, e con essi l’esito finale, al netto ovviamente di nuovi imprevisti eventi.

Per questi motivi, in un contesto reso ancora più incerto dalle vicende di questi giorni, è ancora più difficile ipotizzare scenari a riguardo degli eventuali effetti del voto del 3 novembre.  Per ora possiamo solo assistere a questo confronto elettorale, oggi modificato radicalmente dalla malattia del Presidente in carica, così condizionato nel suo sviluppo non solo dalla forte competizione in campo ma anche dalla presenza della pandemia. Il Covid resterà probabilmente fino all’ultimo il grande tema e il grande problema con cui i candidati presidenti si confronteranno, e potrebbe condizionare ancora il modo in cui gli ultimi giorni di campagna elettorale ma anche le operazioni di voto potranno procedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *